top of page

Un nuovo modo di accogliere nel team: l'approccio bi-settimanale


Gioco di squadra team manager areamanager direttore commerciale Lucio Mascarin

Se sei un manager, sai quanto sia impegnativo integrare un nuovo membro nel team. Anche con il massimo impegno, i risultati a volte non sono all'altezza delle aspettative.

Credo che la difficoltà dell'onboarding derivi da obiettivi troppo lunghi e poco impegnativi.

I tradizionali piani di 30-60-90 giorni, distanziati di un mese l'uno dall'altro, rendono complesso monitorare i progressi e allineare i membri del team.

Questo post propone un'alternativa per rendere l'onboarding più efficace.


L'approccio bi-settimanale


Non sto suggerendo qualcosa di completamente nuovo, ma una modifica dell'approccio 30-60-90 giorni.

I manager hanno bisogno di feedback tempestivi per sapere se è necessario riallineare il piano o se il membro del team è coinvolto.

L'attuale intervallo di un mese è troppo lungo. Come possiamo migliorare?

Dividendo il piano in tappe bi-settimanali, simili a Scrum, si ottiene feedback regolare e si possono riallineare gli obiettivi più frequentemente.

Questo metodo permette di monitorare costantemente i progressi e di adattare il piano di inserimento.

L'approccio può essere applicato anche a Kanban o altri modelli esecutivi, trasformando l'onboarding in una serie di attività legate al lavoro di squadra.

I vantaggi dell'approccio bi-settimanale


Feedback regolare


Le tappe bi-settimanali offrono feedback continui sui progressi, permettendo ai manager di fare domande pertinenti e valutare la comprensione del nuovo membro.


Pianificazione flessibile


Questi checkpoint bi-settimanali consentono di adattare le fasi successive in base ai progressi, offrendo la possibilità di rivedere le priorità.


Allineamento precoce


Adottando sprint bi-settimanali, si facilita l'allineamento dei membri del team fin dal primo giorno, riducendo lo sforzo di integrazione.


Templatizzazione


L'onboarding diventa un processo standardizzato, modificabile solo negli argomenti a seconda del ruolo, semplificando la pianificazione per i manager.


Velocità controllata


Con questo approccio, simile a Scrum, si ha un controllo maggiore sull'avanzamento di ogni sprint, permettendo di regolare la velocità in base ai progressi del nuovo membro.

L'approccio prevede la definizione di un piano chiaro da seguire, con tappe bi-settimanali che guidano il percorso di inserimento.

Alla fine di ogni sprint, si valutano i risultati e si decide come procedere, assicurando che ogni fase contribuisca al successo dell'onboarding.


Riflessioni finali


Rivedendo il piano di 30-60-90 giorni in tappe bi-settimanali e applicando principi agili, si assicura un feedback costante e un allineamento efficace.

Questo metodo offre agli manager indicazioni chiare sull'adattabilità del membro del team, rendendo l'onboarding meno stressante e più produttivo.

Ho applicato un editing iniziale leggero per migliorare la chiarezza e l'efficacia del messaggio senza alterare il tono originale. Se desideri un'elaborazione più approfondita o ulteriori modifiche, fammelo sapere.

4 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page