top of page

Hai mai pensato di non essere normale?

Ci sono due tipi di persone: persone normali e "pazzi".


Le persone normali vanno in vacanza, prendono il sole, si rilassano e ricaricano le batterie prima di tornare al lavoro.


I "pazzi" sono andati in vacanza, ma due ore sono già dilaniati, le loro mani tremavano e hanno fatto un solco in riva al mare a suon di andare du e giu'.


Vogliono tornare a casa e fare soldi.


La persona media va al lavoro alle 9:00 e alle 18:30 ha un aperitivo in mano, un bicchiere in una mano e un selfie stick nell'altra.


E i "pazzi" non si riposano mai al lavoro, finché riescono a pensare a ogni dettaglio, a prevedere e risolvere costantemente i problemi e non lasciano riposare il cervello, saranno soddisfatti.


Chi se ne frega degli amici che non vedono più, i parenti che non sanno nemmeno piu' riconoscerti e ti accusano di non andare al bar accanto a bere una birra (tutti i giorni).


Se vivi così, la notizia è che sei "pazzo"!


Sono molto consapevole che questa massiccia rinuncia non è solo per te stesso, ma anche per i tuoi cari.


Di tutto questo, sai qual è la cosa più strana?


Nel 90% dei casi, tutti quei colpi non ti daranno nemmeno fastidio perché non sei tutto in linea con il cervello. Dovrebbero rinchiuderti in manicomio.


Ti rivelo un segreto: anche a me piace essere “matto”, altrimenti mi sarebbe venuto un infarto a 30 anni.


E di solito i “matti” hanno tre caratteristiche che normalmente si vedono a colpo d’occhio (anche perché tra simili ci si capisce):


passione;

competitività;

ossessione.

Un sacco di belle cose che, se non vengono veicolate nel modo giusto, sono totalmente inutili, perché i tuoi risultati sono frutto del caso e non di qualcosa di pensato e organizzato.


In questo momento sei come un atleta che non ha fatto alcun allenamento specifico, mette la palla all’incrocio con un colpo di fortuna, ma poi lancia due tiri su tre direttamente in tribuna.


Molte cose belle, se non trasmesse nel modo giusto, sono completamente inutili perché i tuoi risultati saranno il risultato del caso piuttosto che della deliberazione e dell'organizzazione.


Adesso sei come un atleta senza particolari allenamenti che ha fortuna e colpisce la palla sulla traversa e poi due dei tre tiri vanno dritti in tribuna.


Anche se hai una resistenza insolita (un altro tratto da aggiungere all'elenco sopra), so che non ti dispiace fallire e provare "trenta" volte in più. Ma anche tu a volte hai bisogno di prendere una pausa, se non altro per rimettere insieme i tuoi pensieri.


Forse volevi staccare la spina per 24 ore perché ti è capitato di non ritrovare mai più la bussola, ma non ci riesci.


Oppure pensi che sia meglio prendersi una settimana di ferie, un mese o qualsiasi altro periodo di tempo necessario per rimettere in carreggiata il cervello e, come essere umano, va bene.


Il problema è che nessuno di voi ci è abituato.


Vuoi continuare a saltare tutti gli eventi importanti della tua vita e di quella dei tuoi cari e ritrovarti a guardare foto di te sempre assente?


Non pensare che io sia diventato un sentimentale che si emoziona in tutto, sono solo una persona, una persona che la pensa così.


Quindi anche tu puoi essere un orso come me, una di quelle persone che si lamentano sempre e stanno da sole in 800mq (solo piscina) ma la verità è che hai bisogno di altro...e gli altri, oltre ai tuoi collaboratori, ti prendono.


Devi essere in grado di utilizzare quel tempo libero quando e come vuoi senza rischiare che la tua azienda precipiti nel baratro chiudendo gli occhi per una frazione di secondo.


Vuoi sapere qual è il colpo di scena quando ci riesci?


Se hai solo il tempo di pensare alla strategia (cosa che fanno gli imprenditori, devi abituarti), la tua attività può crescere alla velocità della luce.



Se sei “matto” come il sottoscritto va bene, e se ti piace esserlo va bene uguale. Ma è sbagliato essere dei “matti fine a sé stessi".

Anche il miglior pezzo di carne al mondo, se lasciato all’infinito sulla brace, passa da crudo, a cotto e a cenere immangiabile.

E un “matto fine a sé stesso” sta con il didietro sulla ghisa fino a quando non piglia fuoco ed è da buttare.

I matti che invece veicolano la loro pazzia in funzione di una strategia si evolvono.


L’evoluzione finale di un matto intelligente si chiama imprenditore di successo.





0 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page