top of page

Google ha appena lanciato Bard, la sua risposta a ChatGPT, e vuole che lo rendiate migliore.

Sotto la pressione dei suoi rivali, Google sta aggiornando il modo in cui cerchiamo le informazioni introducendo un assistente al suo motore di ricerca.


Google ha lanciato Bard, la risposta del gigante della ricerca a ChatGPT di OpenAI e a Bing Chat di Microsoft. A differenza di Bing Chat, Bard non cerca i risultati della ricerca: tutte le informazioni che restituisce sono generate dal modello stesso. Ma è comunque progettato per aiutare gli utenti a fare brainstorming e a rispondere alle domande. Google vuole che Bard diventi parte integrante dell'esperienza di ricerca di Google.


In una dimostrazione dal vivo che Google ha dato ieri nei suoi uffici di Londra, Bard ha proposto idee per la festa di compleanno di un bambino a tema coniglietto e ha dato molti consigli per la cura delle piante d'appartamento. "Lo vediamo come un collaboratore creativo", afferma Jack Krawczyk, senior product director di Google.


Google punta molto su questo lancio. Microsoft ha stretto una partnership con OpenAI per conquistare il primo posto nella ricerca di Google. Nel frattempo, Google ha fatto un passo falso quando ha cercato di rispondere per la prima volta. In una clip teaser per Bard, diffusa a febbraio, il chatbot è stato mostrato mentre commetteva un errore di fatto. Il valore di Google è sceso di 100 miliardi di dollari nel giro di una notte.


Google non condividerà molti dettagli sul funzionamento di Bard: i modelli linguistici di grandi dimensioni, la tecnologia alla base di questa ondata di chatbot, sono diventati una preziosa proprietà intellettuale. Ma dirà che Bard è costruito sulla base di una nuova versione di LaMDA, il modello linguistico di punta di Google. Google afferma che aggiornerà Bard man mano che la tecnologia sottostante migliorerà. Come ChatGPT e GPT-4, Bard viene messo a punto utilizzando l'apprendimento rinforzato dal feedback umano, una tecnica che addestra un modello linguistico di grandi dimensioni a fornire risposte più utili e meno tossiche.


Google ha lavorato su Bard per alcuni mesi a porte chiuse, ma afferma che si tratta ancora di un esperimento. L'azienda sta rendendo il chatbot disponibile gratuitamente per le persone negli Stati Uniti e nel Regno Unito che si iscrivono a una lista d'attesa. Questi primi utenti contribuiranno a testare e migliorare la tecnologia. "Riceveremo il feedback degli utenti e lo potenzieremo nel tempo in base a tale feedback", afferma Zoubin Ghahramani, vicepresidente della ricerca di Google. "Siamo consapevoli di tutte le cose che possono andare storte con i modelli linguistici di grandi dimensioni".


Ma Margaret Mitchell, scienziato capo dell'etica presso la startup Hugging Face ed ex co-responsabile del team etico di Google, è scettica su questa impostazione. Secondo Margaret Mitchell, Google sta lavorando a LaMDA da anni e ritiene che presentare Bard come un esperimento "sia un trucco di pubbliche relazioni che le aziende più grandi usano per raggiungere milioni di clienti e allo stesso tempo per sottrarsi alla responsabilità se qualcosa va storto".


Google vuole che gli utenti considerino Bard come una spalla di Google Search, non come un sostituto. Un pulsante che si trova sotto il widget della chat di Bard dice "Google It". L'idea è quella di spingere gli utenti ad andare su Google Search per controllare le risposte di Bard o per saperne di più. "È una delle cose che ci aiutano a compensare i limiti della tecnologia", dice Krawczyk.


"Vogliamo davvero incoraggiare le persone a esplorare altri luoghi, a confermare le cose se non sono sicure", dice Ghahramani.


Questo riconoscimento dei difetti di Bard ha plasmato il progetto della chatbot anche in altri modi. Gli utenti possono interagire con Bard solo una manciata di volte in ogni sessione. Questo perché più a lungo i modelli linguistici di grandi dimensioni si impegnano in una singola conversazione, più è probabile che vadano fuori strada. Molte delle risposte più strane di Bing Chat che sono state condivise online sono emerse alla fine di scambi prolungati, ad esempio.


Google non ha confermato quale sarà il limite di conversazione al momento del lancio, ma per la versione iniziale sarà piuttosto basso e verrà modificato in base al feedback degli utenti.


BARD in azione:


Google va sul sicuro anche in termini di contenuti. Gli utenti non potranno chiedere materiale sessualmente esplicito, illegale o dannoso (secondo il giudizio di Google) o informazioni personali. Bard non darà consigli su come preparare una molotov. Questo è lo standard per questa generazione di chatbot. Ma non fornirà nemmeno informazioni mediche, ad esempio su come individuare i segni del cancro. "Bard non è un medico. Non darà consigli medici", afferma Krawczyk.


Forse la differenza più grande tra Bard e ChatGPT è che Bard produce tre versioni di ogni risposta, che Google chiama "bozze". Gli utenti possono cliccare tra di esse e scegliere la risposta che preferiscono, o mischiarle tra di loro. L'obiettivo è ricordare alle persone che Bard non può generare risposte perfette. "C'è un senso di autorevolezza quando si vede solo un esempio", dice Krawczyk. "E sappiamo che ci sono dei limiti alla fattualità".


Nella dimostrazione, Krawczyk ha chiesto a Bard di scrivere un invito per la festa di compleanno di suo figlio. Bard lo ha fatto, inserendo l'indirizzo di Gym World a San Rafael, in California. "È un posto dove passo spesso in auto, ma onestamente non so dirvi il nome della strada", ha detto. "È qui che entra in gioco Google Search". Krawczyk ha cliccato su "Google It" per assicurarsi che l'indirizzo fosse corretto. (Lo era.)


Krawczyk afferma che Google non vuole sostituire la ricerca per il momento. "Abbiamo trascorso decenni a perfezionare questa esperienza", afferma. Ma questo potrebbe essere più un segno dei limiti attuali di Bard che una strategia a lungo termine. Nel suo annuncio, Google afferma che: "Integreremo in modo ponderato i corsi di laurea in Search in modo più approfondito, e non è detto che ciò avvenga prima o poi".


Questo potrebbe accadere più presto che tardi, dato che Google si trova in una corsa ad ostacoli con OpenAI, Microsoft e altri concorrenti. "Continueranno a lanciarsi in questa impresa, indipendentemente dalla prontezza della tecnologia", afferma Chirag Shah, che studia le tecnologie di ricerca presso l'Università di Washington. "Poiché vediamo che ChatGPT viene integrato in Bing e in altri prodotti Microsoft, Google è sicuramente costretta a fare lo stesso".


Un anno fa, Shah è stato coautore di un articolo insieme a Emily Bender, una linguista che studia i modelli linguistici di grandi dimensioni, anch'essa presso l'Università di Washington, in cui si sottolineavano i problemi legati all'utilizzo di modelli linguistici di grandi dimensioni come motori di ricerca. All'epoca, l'idea sembrava ancora ipotetica. Shah dice di aver temuto che potessero esagerare.


Ma questa tecnologia sperimentale è stata integrata nei prodotti destinati ai consumatori con una velocità senza precedenti. "Non ci aspettavamo che queste cose accadessero così rapidamente", afferma Shah. "Ma non hanno scelta. Devono difendere il loro territorio







1 visualizzazione0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Conosci la differenza tra un'azienda di successo e una fallita? Il comandante, l'imprenditore che ci dedica anima e corpo. Sei proprio tu che devi guidare la tua azienda e farla esplodere, anche se so

bottom of page